The Hutton-Mdivani Necklace accresce la Collection Cartier

Il 7 aprile 2014 nel corso dell'Asta svoltasi da Sothebey's ad Hong Kong è stata battuta, dopo venti minuti di offerte e rilanci, The Hutton-Mdivani Necklace per 27,44milioni US$ raddoppiando la stima iniziale e segnando un record d’asta mondiale per qualsiasi gioiello di giadeite o gioiello Cartier
Ad aggiudicarsi il prezioso collier è stata la Collection Cartier.


The Hutton-Mdivani Necklace è composta da ventisette sfere di giada color verde smeraldo ricavate da unico blocco, eccezionali per qualità, purezza, forma, dimensioni (da 15,4 a 19,2 mm). 


L'origine delle gemme di giada giadeite rimane sconosciuta  e si pensa che possa essere stata realizzata nel XVIII secolo. 
Il collier comparve per la prima volta in pubblico nel 1933 quando il finanziere statunitense Franklyn Laws Hutton (1875-1962) ne fece dono alla figlia, l'ereditiera Barbara Hutton (1912-1979), in occasione del suo matrimonio con il principe Alexis Mdivani*. 


Barbara Hutton indossa il collier di giada al Metropolitan Opera House di New York (1933)

All'epoca il fermaglio del gioiello era ornato da un diamante taglio navette, realizzato dalla Maison Cartier.
Amante della giada e consigliata dai migliori esperti in materia, nel 1934 Barbara Hutton ordina a Cartier un fermaglio, lo stesso ancor'oggi presente, in oro giallo rubini calibrati e diamanti taglio baguette, che sublima il colore verde profondo delle pietre.








Quello stesso anno Barbara Hutton, che possedeva un raffinato gusto per i gioielli e per l'alta gioielleria a lei contemporanea e storica, chiese alla Maison di creare per lei un anello sempre in giada, rubini e diamanti da abbinare al collier (già di proprietà della Collection Cartier). 

Barbara Hutton, nacque da Edna Woolworth (1883-1918, figlia di Frank W. Woolworth fondatore della catena di grandi magazzini omonimi) e da Franklyn Laws Hutton (1877-1940 co-fondatore della E. F. Hutton & Company che si occupava di investimenti bancari e assicurazioni. Nipote acquisita dell'ereditiera Marjorie Merriweather Post, e cugina dell'attrice-ereditiera Dina Merrill (nata Nedenia Hutton) nonostante la posizione di estremo benessere derivato dal suo stato sociale ebbe una vita travagliata tanto da ispirare alla stampa che ne seguiva le vicende il soprannome di poor little rich girl (la povera piccola ragazza ricca). 
La madre Edna morì suicida quando Barbara aveva solo sei anni e fu proprio la bambina a trovare il corpo senza vita della madre, un'esperienza orribile che la segnerà per tutta la vita. Abbandonata dal padre presso parenti, accudita da una governante ed educata secondo le regole del bon ton dettato dalla upper class statunitense, Barbara divenne una ragazza introversa con scarsi rapporti con i coetanei, a differenza dei quali erediterà al compimento del ventunesimo anno di età un patrimonio di cinquanta milioni di dollari (oltre ottocento milioni di dollari degli anni duemila)  lasciatole in eredità dalla madre.
Barbara Hutton fu una delle donne più ricche al mondo, divenne famosa per la sua vita dispendiosa, per i gioielli principeschi, per i suoi sette matrimoni ed altrettanti divorzi, per gli abusi di alcool e droga i tentativi di suicidio, l'anoressia nervosa. Ebbe un unico figlio che morì in un incidente aereo nel 1972.
Barbara Hutton morirà sola nella suite del Regent Beverly Wilshire Hotel per infarto al miocardio nel maggio del 1979.
Della sua immensa fortuna non rimanevano che quattromila dollari.



*Uno dei cinque figli del generale Zakhari Mdivani e sua moglie Elisabetta. I cinque fratelli, Serge (1903-1936) Alexis (1905-1935), Isabelle Roussadana (1906-1938), David (1907-1984), Nina (morta nel 1987) fuggirono a Parigi dopo l'invasione sovietica della Georgia. Tutti e cinque si sposarono con persone ricche e famose.

#HauteJewelry #MaisonCartier #HuttonMdivaniNecklace 

2 commenti:

"Come una donna abbellisce la sua casa, così abbellisca il proprio corpo perché gli dèi la benedicano con la prosperità." - proverbio indiano