Nel 129° Compleanno di Theda Bara Twenties Icon (Neve Cosmetics)


Il primi decenni del XXsc furono anni di grande fermento sociale economico culturale ed artistico. 
La Grande Guerra era terminata e la ricostruzione post-bellica iniziata e con essa il desiderio di ricchezza divertimento bellezza della spensieratezza.
La Belle Époque, il movimento Dada, l'avanguardia, l'egittomania, l'estetica esoterica, l'Art Déco sono solo alcune delle espressioni culturali ed artistiche dell'epoca.
I Ruggenti Anni Venti furono gli anni del colonialismo, dell'industrializzazione, dell'affermazione dei poteri della borghesia, dell'emancipazione femminile.

 
L'abbigliamento femminile subì importanti evoluzioni e cambiamenti:  le forme curvilinee, le tinte tenui, la cura dei dettagli furono abbandonati a favore di abiti dalla linea verticale, colori sgargianti già ad inizio secolo grazie alla guida ed all'ispirazione dello stilista parigino Paul Poiret (1879-1944). Il concetto stesso di "Moda", come lo intendiamo oggi, fu creato in questi anni proprio nell'Atelier dello stilista francese grazie alle vie dell'innovazione percorse negli strumenti di diffusione delle collezioni: ampie vetrine che si affacciavano sulla strada, illustratori che disegnarono per lui gli album dei bozzetti, défilé e ricevimenti, un tour americano con le sue modelle, ed anche se il modello di eleganza femminile imposto da Poiret declinò nel corso della Guerra, quella rivoluzione iniziata dallo stilista francese continuò, e giunse al suo culmine a metà degli anni Venti con quella forma dell’abito corto sopra il ginocchio sostenuto da due sottili spalline, guarnito di perline e di frange, l’acconciatura alla garçonne, il lungo filo di perle, il bocchino e le calze, che assunsero un’importanza mai prima d’allora avuta, e si concretizzò nell'haute couture con la creazione de Le Petit Robe Noire di Madame Chane, il celeberrimo tubino nero che debuttò nel 1926.
Il MakeUp di questi anni era fortemente caratterizzato: labbra dipinte assolutamente a forma di Arco di Cupido (furono creati addirittura degli stencil per aiutare le donne ad applicare correttamente il rossetto)kohl per disegnare la forma degli occhi, blush per illuminare le guance, mascara e piegaciglia per avere occhi da cerbiatta.
La diffusione di questi cosmetici fu resa possibile dall'invenzione di contenitori che permettevano alle donne di portarli con se e ne facilitavano l'applicazione, come lo stick in metallo per rossetto inventato nel 1915 da Maurice Levy. Molto popolari i rossetti e blush indelebili.

 L'Ottava Arte
In questi anni di grande fermento si assiste all'affermarsi dell'Industria del Cinema con la creazione delle grandi sale cinematografiche ed il costo esiguo dei biglietti che resero quella che sarà poi definita l'ottava arte, la più popolare e populistica delle arti. Il ruolo dell'attore si evolve da semplice interprete ad icona di stile e fonte d'ispirazione. Non è più solo l'opera il testo la trama lo spettacolo il protagonista, il pubblico ama i suoi interpreti vuole continuare a vederli sullo schermo, vuole conoscere ogni particolare sulle loro vite: nasce il divismo e con esso i primi divi, le star, lo star system, Hollywood , la Fox Film Corporation, quest'ultima grazie agli incassi "al botteghino" del film A Fool There Was ispirato alla novella The Vampire dello scrittore e poeta britannico Joseph Kipling,1865-1936) interpretato nel 1915 da Theodosia Goodman (1885-1955).

Theda Bara, e la donna divenne Vamp.
Per il lancio del film nel quale Theodosia interpreteva una donna-vampiro che cerca di sedurre e corrompere un avvocato di Wall Street, il produttore cinematografico ungherese William Fox (1879-1952) creò l'inquietante personaggio di Theda Bara, anagramma di arab death "morte araba",colei che è anche chiamata "Serpente del Nilo" e la sua ancor più inquietante biografia: figlia di uno sceicco arabo ed una donna francese era cresciuta nel deserto del Sahara presso una tribù Tuareg cibandosi di latte di serpente. Una donna dalla sinistra fama che intervistata dai giornalisti parlava di occultismo ed esoterismo, nei servizi fotografici appariva con fluenti abiti in stile egizio attorniata da ragnatele scheletri serpenti a sottolineare quella che i giornalisti descrivevano come una femmina perversa, tentatrice e senza scrupoli e per la quale coniarono l'appellativo di vamp da vampire (vampiro), un'anti-eroina senza tempo dell’universo nero femminile. I lunghi capelli corvini, le braccia tornite, il pallore lunare, il corpo flessuoso, gli occhi immensi, lo sguardo perso nelle pieghe del tempo, i costumi audaci, fecero di Theda Bara il primo sex symbol della storia del cinema ed una delle tre attrici più famose del cinema muto.

Twenties Icon Makeup Collectionby Neve Cosmetics


La collezione di makeup autunno inverno 2013 di Neve Cosmetics cavalca l'onda del Twenties Mood seguito al remake del film "The Great Gatsby" ed è dedicata alle Donne Icone degli Anni Venti "creature indipendenti, brillanti, emancipate. Vere icone fashion caratterizzate da sguardo malinconico e grazia surreale. La collezione Twenties Icon ammalia con tonalità dense ed evocative. Gli occhi, assoluti protagonisti, rubano intensità cinematografica alle dive del cinema muto." - Neve Cosmetics Press


4 ombretti dei quali 1 duochrome, 2 blush, 2 bio-matite occhi ...
 
... e la guest star, una bio-matita labbra finish matte.  

LA COLLEZIONE ED I COLORI PERFETTI 
PER CREARE UN MAKE-UP IN ONORE DI THEDA BARA
NEL 129° ANNIVERSARIO DELLA SUA NASCITA.

Theda Bara nasce nel mese di luglio 1885, alcune fonti citano il giorno 7 altre il 29, sul certificato di morte è riportata come data di nascita quella del 22 di luglio. Che fosse del segno del Cancro, del Leone o cuspide tra i segni, ma tenendo conto della sua spiccata tendenza al protagonismo all'esibizionismo è più possibile il secondo, oggi non ha importanza e nemmeno la data esatta della sua nascita ha importanza, Theodosia Goodman aka Theda Bara è un astro che brilla ancora nel firmamento dei sogni hollywoodiani, indimenticata attrice indimenticabile icona di stile.
Il makeup di Theda Bara era molto particolare ed esasperava quei piccoli difetti che la rendevano una bellezza per l'epoca fuori dagli schemi. Gli occhi erano non solo grandi ma anche sporgenti, non perfettamente allineati, l'occhio sinistro era visibilmente più piccolo di quello destro, ed il taglio  obliquo. L'eyesmakeup, pur variando nel corso degli anni, conservò sempre i suoi tratti caratteristici: trucco molto intenso sulla palpebra mobile e su quella inferiore. Trucco sulla palpebra sfumato fino all'arco sopraccigliare. Contorno della palpebra mobile sottolineato intensamente così come il contorno occhi esasperandone il taglio obliquo. 
Le sopracciglia erano folte e marcate non ad arco come la moda dell'epoca imponeva ma bensì tracciavano una linea orizzontale parallela all'occhio. Le labbra sottili erano truccate ad Arco di Cupido con rossetti scuri ed intensi.

 

 ... E DOPO AVER VIAGGIATO ATTRAVERSO LA MACCHINA DEL TEMPO....


Di questa collezione nello scrigno dei comestici "non posso vivere senza" ripongo l'ombretto Chiffon.

Post di Debora Menozzi

#thedabara #twentiesicon #nevecosmetics #vegan #crueltyfree #madeinitaly #blogger #beautyblogger #cosmeticsblogger #silentmovie #cinemamuto #bblogger #ilviaggiointornoalsole #jasminesgarden
-----
Si declina ogni responsabilità circa l'insorgere di reazioni allergiche o problemi di altra origine causate dall'utilizzo dei prodotti recensiti. 

Nessun compenso è ricevuto o richiesto per le Reviews e News pubblicate. Il materiale foto-audio-video reperito in Internet è stato valutato di pubblico dominio.
 La proprietà intellettuale rimane dei singoli autori. 
Questo Blog NON rappresenta una testata giornalistica con cadenza periodica e non può quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.ro 62/2001

5 commenti:

  1. Mi piacciono tantissimo questo genere di post, che contestualizzano il make-up in un periodo storico o corrente *_* Ed è molto bella anche la tua interpretazione!

    RispondiElimina
  2. Mi piacciono tantissimo questo genere di post, che contestualizzano il make-up in un periodo storico o corrente *_* Ed è molto bella anche la tua interpretazione!

    RispondiElimina
  3. Finalmente avete trovato il taglio perfetto per i vostri post.
    Andate avanti così.
    Sei identica a Theda Bara!

    RispondiElimina
  4. +Bridget Jones grazie dei complimenti ...

    RispondiElimina
  5. Caro Michael Debora sarà molto contenta di questo complimento ha una leggera passione per T.B.

    RispondiElimina

"Come una donna abbellisce la sua casa, così abbellisca il proprio corpo perché gli dèi la benedicano con la prosperità." - proverbio indiano